La politica media delle risorse umane per il tempo libero per decessi in famiglia

I datori di lavoro riconoscono la necessità dei loro dipendenti di avere del tempo libero per piangere la perdita di un familiare o qualcuno che il dipendente considera famiglia. Le leggi sul lavoro non impongono il congedo per lutto e, a causa della natura dolorosa di questo tipo di congedo, non è il tipo di congedo che i datori di lavoro pubblicizzano come generose politiche di ferie. Il congedo per lutto è la risposta benevola del datore di lavoro che afferma che l'azienda comprende la devastazione che accompagna il dolore e il bisogno di un dipendente di mettere da parte il lavoro per gestire i sentimenti e le questioni personali durante questo momento difficile.

Processo e scopo

Quando un parente stretto muore, il dipendente in lutto deve contattare il suo supervisore o il dipartimento delle risorse umane con informazioni sui giorni in cui deve essere assente dal lavoro. Il tempo libero dal lavoro è per la gestione degli arrangiamenti del funerale e per la partecipazione a servizi funebri e commemorativi. L'azienda si riserva il diritto di richiedere la documentazione, come un necrologio o un programma funebre, come prova della morte. In circostanze normali, tuttavia, l'azienda non necessita di prove scritte.

Tempo e relazioni

La quantità di tempo libero retribuito dipende spesso dal rapporto tra il dipendente e il familiare deceduto. Molti datori di lavoro concedono tre giorni di ferie retribuite; tuttavia, un campione di una politica di lutto più generosa potrebbe includere fino a cinque giorni di ferie. In questo caso, un criterio di esempio potrebbe indicare:

"Quando un dipendente perde un parente stretto, l'azienda fornisce fino a cinque giorni di ferie retribuite. I membri della famiglia immediata includono coniuge, figlio, genitori, suoceri, genitori acquisiti, figliastri e fratellastri. l'azienda fornisce tre giorni di ferie retribuite in caso di morte di un membro della famiglia allargata. La famiglia allargata include zia, zio, nonni o nonni, nipoti, cognato e cognata e figlia o figlio legalmente.

"Nel caso in cui il defunto sia un familiare allargato o non sia un parente di sangue, ma sia ritenuto in loco parentis, il dipendente ha diritto ai cinque giorni di ferie retribuite che si applicano ai familiari stretti. Negli Stati in cui le leggi sul lavoro tutelare i diritti dei dipendenti basati sull'orientamento sessuale o laddove siano riconosciuti matrimoni omosessuali, o in aziende che forniscono uguali benefici per i partner domestici, l'azienda fornisce gli stessi importi di congedo per lutto in base alla partnership domestica. L'azienda può concedere tempo aggiuntivo se è necessario un viaggio fuori città per pianificare o assistere ai servizi del defunto. "

Tempo libero personale non retribuito

Nei casi in cui il dipendente ha funzioni estese associate alla morte del familiare, come ad esempio servire come esecutore testamentario, il dipendente può richiedere un periodo di ferie aggiuntivo. L'azienda può concedere un'aspettativa di 30 giorni a un dipendente che ne faccia richiesta, sulla base delle responsabilità personali e lavorative a seguito del decesso del familiare. Se il dipendente non ha abbastanza ferie per coprire 30 giorni, il tempo libero potrebbe non essere retribuito. A condizione che il dipendente soddisfi le condizioni richieste per richiedere un congedo personale e il congedo non superi i 30 giorni, può riprendere il suo lavoro o un lavoro equivalente di retribuzione, benefici e responsabilità comparabili.

Tempo libero ai sensi della legge sul congedo familiare e medico

Se è necessario un periodo di ferie aggiuntivo per il dipendente per affrontare questioni come la consulenza sul dolore o problemi di salute a seguito della morte di un membro della famiglia, il dipendente può avere diritto a richiedere un congedo ai sensi del Family and Medical Leave Act (FMLA). In questo caso, si applicano le linee guida FMLA e il dipendente può richiedere fino a 12 settimane di congedo non retribuito e protetto dal lavoro. L'azienda è obbligata a mantenere i benefici della copertura sanitaria di gruppo del dipendente durante il congedo FMLA approvato.

Politiche per piccole imprese

Le piccole imprese hanno spesso rapporti coesi datore di lavoro-dipendente che assomigliano a un ambiente di lavoro familiare. In un sondaggio del 2016 condotto dalla Society for Human Resource Management (SHRM) sulle opzioni di congedo retribuito, è emerso che il 90% dei datori di lavoro fornisce un congedo per lutto. Nel 2014, SHRM ha proposto una politica di congedo per lutto che consente fino a tre giorni di congedo retribuito per un familiare stretto; un giorno per i familiari come cognati, zia o zio; e quattro ore per un collega.

Le piccole imprese possono concedere periodi di congedo più lunghi sulla base di un presunto maggiore livello di preoccupazione individuale per i dipendenti e le loro famiglie. Tutti i datori di lavoro dovrebbero avere politiche per la struttura del posto di lavoro; tuttavia, molte piccole imprese possono permettersi di avere politiche più flessibili, a condizione che la flessibilità non mostri favoritismi o pregiudizi.