Utile lordo vs. Profitto netto

L'utile lordo e l'utile netto sono entrambi termini contabili legittimi: non è come se uno fosse migliore dell'altro. Ma quando si gestisce una piccola impresa, è importante tenere ben presenti le differenze tra questi due concetti.

Il profitto lordo è la differenza tra il denaro che prendi dalla vendita di beni e quanto ti costano quei beni. Esclude un numero di elementi che di solito dedurre dall'utile lordo per arrivare al tuo profitto netto. Ogni termine ti dice qualcosa sulla tua attività che vorresti sapere.

Calcolo dell'utile lordo

Vendi un widget per $ 10. Il widget ti costa $ 4. Quindi l'equazione per determinare il tuo profitto lordo è la seguente: hai $ 10, ma poi sottrai $ 4 per essere uguale a $ 6. I $ 6 sono il tuo profitto lordo. Per formalizzare questo concetto, la logica è quindi: l'utile lordo è uguale alle entrate, meno il costo dei beni venduti. Il costo della merce venduta è spesso rappresentato dall'acronimo COGS.

La vendita di widget qui descritta è valida - l'utile lordo è in realtà $ 6 - ma è semplicistico. Considera, ad esempio, di non aver acquistato il widget. L'hai fatto davvero nel tuo negozio. Diciamo che i materiali che hai utilizzato per realizzarlo ti sono costati $ 1 e che hai venduto il widget per $ 10. Il tuo profitto lordo è quindi di $ 9? No, perché hai speso soldi per creare il widget, questo fa parte del COGS. Dovresti anche includere il costo orario della manodopera per realizzare il widget, più eventuali commissioni di vendita pagate per vendere il widget, nonché eventuali commissioni sulla carta di credito.

Cosa è incluso nel costo delle merci vendute?

Allora per quanto riguarda l'affitto? Anche questo è un costo. Potresti essere sorpreso di apprendere che non detratti l'affitto. Il motivo per cui non parli della differenza fondamentale tra i costi che sono inclusi nel COGS e altre spese aziendali che non lo sono.

Sono inclusi nel COGS tutti i costi che variano con la produzione o le vendite. Ma i costi fissi non sono inclusi, incluso l'affitto, che rimane lo stesso, indipendentemente dal fatto che tu stia eseguendo la tua linea di produzione 60 ore a settimana o per niente.

Fattori di profitto lordo nei costi diretti, non nei costi indiretti

Quindi, per riassumere: l'utile lordo è il ricavo derivato dalle vendite (o dal servizio, qualunque sia il costo per cui ti pagano i clienti) meno i costi diretti associati all'acquisto, produzione, vendita o spedizione del prodotto al tuo cliente. Sono sempre esclusi alcuni costi fissi, tra cui l'affitto.

Determinazione dell'utile netto

L'utile netto è l'utile lordo meno i costi fissi. Per determinare l'utile netto, inizi con la cifra dell'utile lordo, quindi sottrai i tuoi costi fissi, tra cui i seguenti:

  • Affitto.
  • Salari pagati ai dipendenti: si tratta di costi fissi perché presumibilmente i dipendenti con stipendio ricevono la stessa somma di denaro ogni mese indipendentemente dal numero di widget che vendi, ad esempio un contabile stipendiato.
  • Tasse di proprietà. Perché, ancora una volta, sono gli stessi indipendentemente dal numero di widget che hai venduto.
  • Utilità. Anche se si potrebbe sostenere che i costi dell'elettricità, ad esempio, possono aumentare in una certa misura con la produzione, la consueta determinazione contabile è che poiché questi sono in gran parte fissi, sono più adeguatamente inclusi nei costi fissi.
  • Assicurazione.
  • Onorari pagati a professionisti, come avvocati o CPA.
  • Ammortamenti e svalutazioni. Entrambi sono costi destinati a riflettere la graduale svalutazione delle attività. L'ammortamento è il termine utilizzato per riflettere questa graduale diminuzione di valore rispetto alle attività immateriali - un brevetto di droga o un brevetto su un nuovo tipo di rubinetto; l'ammortamento è la stessa diminuzione graduale del valore, ma su un'attività fisica, un'automobile aziendale, per esempio, o un macchinario di produzione.

Perché hai bisogno di calcoli dell'utile netto e lordo

In un certo senso, il profitto lordo potrebbe non essere il tuo profitto "reale", ma devi comunque calcolarlo in modo da poter tenere traccia di come sta andando la tua attività. In primo luogo, perché il modo in cui si arriva all'utile netto è deducendo queste spese fisse aggiuntive dall'utile lordo. Ma, soprattutto, il profitto lordo ti fornisce preziose informazioni su come sta andando avanti la tua attività.

Ad esempio, i tuoi profitti lordi potrebbero aumentare, ma i tuoi profitti netti stanno diminuendo. È così brutto? Forse, ma non necessariamente. Se le tue vendite aumentano costantemente, potrebbe arrivare un punto in cui dovrai passare a trimestri più grandi. Ciò comporterà non solo un canone di locazione più elevato, ma anche tutti i costi associati al trasloco.

Il risultato sarà probabilmente un calo relativamente breve dell'utile netto. In questo caso, tuttavia, la cifra che ti dice quanto stai andando bene è il profitto lordo, che riflette le tue vendite in aumento. Nel periodo di vendita che segue il periodo durante il quale hai effettuato il tuo trasloco, alcuni costi, come i tuoi costi di trasloco - che hai già pagato - non faranno più diminuire l'utile netto. Sebbene l'affitto più alto sui tuoi nuovi trimestri rimanga, trimestri più grandi ti consentono di aumentare ulteriormente la produzione, facendo aumentare i profitti lordi che alla fine si tradurranno anche in un aumento dei profitti netti.

L'utile netto può indicare problemi aziendali

D'altra parte, in circostanze diverse, l'utile netto può raccontare la vera storia. Ad esempio, se le tue vendite aumentano lentamente, ma i tuoi costi fissi aumentano più rapidamente, il risultato sarà un calo dell'utile netto, che in questo caso indica un problema reale che può essere risolto aumentando le vendite a un tasso, facendo qualcosa per contenere i costi fissi o da una combinazione di entrambi.